Arrivederci! …

Ho aspettato qualche giorno prima di scrivere questo articolo perche’ sembrava che ci fosse nell’aria qualche remota possibilita’ di ripescaggio … Credo che alla fine sia stato meglio cosi’, non abbiamo piu’ “banane”…. A questa partita di Bonemerse abbiamo avuto l’ennesimo forfait della stagione, tal Igor Marchetti, non proprio l’ultimo arrivato e non proprio troppo avanti con la carta d’identità, anche lui ahinoi infortunato. Quest’anno e’ finita cosi, con i giovani che “mollano” sul piu’ bello, ed i “vecchi” un po’ in debito d’ossigeno … Eppure, si e’ sfiorata ancora una volta l’impresa. Ma andiamo per ordine …
Partenza all’alba, sotto un acqua battente, che piu’ battente non si puo’, dove l’occhio piu’ vispo sembra essere quello di Mimmo (il che e’ tutto un dire …)
Dopo ore di navigazione, a pochi metri dall’arrivo, come nelle migliori fiabe, ecco l’ostacolo insormontabile che ci obbliga a fermarci e a cominciare a pensare alla mala sorte …

Ma poi arriviamo e anche in buona compagnia.
Infatti sugli spalti si posizionano i nostri supporters, gli ultras, con tanto di bandiera e di striscione pirata … che incita alla battaglia!!

Il tigrottto Simon Tremalnaik a far da guardia del corpo alla Ely, la nostra Perla di Labuan ( o di Levata), il tutto sotto la supervisione di Sandokan Celeste

armato di gagliardetto nuovo di pacca, da omaggiare agli avversari prima della battaglia.
Inizia la partita e dopo essere andati sotto, pareggiamo quasi subito con Bottazzi, anzi, san Bottazzi Gabriele, l’unico che non si arrende mai, neanche in questa partita. Difatti, dopo aver terminato il primo tempo in svantaggio di 5-2 e dopo aver preso subito il 6-2 ad inizio ripresa, suona la carica alla ciurma, fino ad arrivare al 6-5 … All’ultimo minuto addirittura, capita la palla del 6-6 sui piedi di Orlandini, che in qualsiasi altra situazione l’avrebbe messa dentro, ma stavolta no … In contropiede poi, gli avversari invece la mettono dentro, mentre l’arbitro fischia la fine. Destino.
Inutile sottolineare l’amarezza e la rassegnazione dei nostri, negli spogliatoi.
Si tenta di risollevare il morale organizzando un succulento pranzo in un rinomato ristorante, dove si dice che in breve tempo servano piatti che mettono allegria …
A veder le facce non sembra

Solo il Moro, dopo essersi scolato l’impossibile (barbera e 2 tipi di lambrusco) sembra non pensare piu’ alla partita,
ed il nostro mister Ferrari

che da quando la moglie e’ in dolce attesa, forse per solidarieta’, cerca di far aumentare la pancia, spazzolando qualsiasi cosa risulti essere commestibile …
Ma poi arriva il dessert, la specialita’ della casa, il sorbetto (agli agrumi) piu’ buono della Regione

che mette tutti d’accordo e ci rida’ morale, cominciando a pensare alla prossima stagione …
Arrivederci a Settembre!!

Vorrei lasciarvi con un indovinello:
a chi appartengono questi shorts (mutande?) e di quale griffe si tratta?

Alla prossima …

Permanent link to this article: http://www.calcettoquistello.it/arrivederci/

Lascia un commento

Your email address will not be published.

5 × 4 =